• Stampa
  • Lettera

Il fototipo

Non siamo tutti uguali davanti al sole: le nostre caratteristiche genetiche influenzano la predisposizione ad eritemi e scottature

Scena: gruppo di amiche in spiaggia, dopo due settimane di bagni di sole e relax. Una di loro, tipicamente mediterranea, sfoggia un colorito intenso. Altre due sono riuscite a “conquistare” solo una lieve tonalità ambrata. Un’altra ancora reca i tipici segni di una recente scottatura. Questa semplice osservazione esprime il concetto di “fototipo”, ovvero quella serie di caratteristiche genetiche che influenzano la predisposizione alla comparsa di eritemi e scottature e il “livello” di abbronzatura che la pelle è in grado di produrre.
Non siamo tutti uguali davanti al sole, insomma. E queste considerazioni sono fondamentali per mantenere un rapporto sano con la fotoesposizione, perché ci aiuta a regolare tempi e modi dell’esposizione, per conquistare un’abbronzatura sana e nel rispetto della nostra pelle.
Il fototipo viene definito dal colore della pelle, dei capelli, dalla predisposizione alla comparsa di eritemi e dall'attitudine all'abbronzatura. Particolarità, quindi, che sono di fatto geneticamente programmate.

I fototipi sono 6:

 

Fototipo Capelli Carnagione

Tendenza alla
comparsa di eritema

Abbronzatura
I Rossi Lattea Costante+++
Sempre presente
No
II Biondi Chiara Costante++ Leggermente abbronzato
III Castani Chiara Frequente Abbronzatura chiara
IV Bruni Olivastra Rara Scura
V Neri Olivastra Eccezionale Molto scura
VI Neri Nera No Nera

 

Conoscere il fototipo permette di scegliere la fotoprotezione più adatta alla propria "sensibilità" individuale. Non bisogna però dimenticare anche l’intensità del sole e delle condizioni di esposizione: in montagna, ad esempio, la quantità di ultravioletti aumenta del 4% ogni 300 m. La luce e gli ultravioletti possono raggiungere la pelle indirettamente riflettendosi su diverse superfici. Infine, si possono sviluppare eritemi anche sotto l'ombrellone o sotto un cielo nuvoloso.
Tutte queste considerazioni valgono in modo particolare per i fototipi più bassi, che devono porre in atto particolare attenzione; senza però trascurare il fatto che le persone naturalmente più scure non devono dimenticare le buone regole della fotoesposizione, perché i “rischi” di un’overdose di radiazioni solari non si limitano alle scottature, ma possono causare problemi più gravi e, nel medio termine, accelerare l’invecchiamento precoce della pelle.
Vuoi conoscere il tuo fototipo e scoprire i migliori suggerimenti per esporti al sole in tutta sicurezza? Fai il nostro test: un punteggio indicherà il tuo fototipo e i consigli adatti a te!